Saturday, January 02, 2010

COME STANNO LE COSE

C'è un momento per guardarsi allo specchio. C'è un momento per capire che tutte le cose come l'amore, la vita a cui, per tutta la vita abbiamo cercato di dare un nome hanno un senso proprio perchè un nome non l'hanno mai avuto. C'è una ruga in più e non c'è la voglia di cancellarla. Perchè tutto è esattamente come dovrebbe essere. O forse non lo è, ma è importante pensare che lo sia perchè possiamo cambiare molto ma non tutto. E c'è quella vita che fino in fondo non capiremo mai. E adesso basta con l'impersonale. Sto parlando di me. Sono io. E sono qui perchè questo primo scritto d'inizio anno lo dedico a me stesso. E alle persone che sono con me in questo momento in questa passeggiata sotto il sole d'inverno. Quelle che hanno attraversato il mio inferno e continuano ad amarmi. Quelle che avendolo visto sono scappate. Quelle che hanno visto le mie emozioni che faccio così fatica a raccontare. Le cose stanno così. E non le voglio più cambiare. Non è più tempo di eroi. Quelli sepolti sotto la neve sono morti. Non è più tempo di fantasmi. I fantasmi sono lo specchio di una vergogna che non ho. Non c'è più bisogno di clandestinità e di vite inventate. C'è giusto il tempo di costruire la mia, di vita. Non è più tempo di correre, perchè correndo si perdono i dettagli e le emozioni. Arrivare da soli al traguardo non ha senso. Meglio camminare, magari con qualcuno a cui tenere la mano. Perchè se per caso si sbaglia strada, è più facile correggere la direzione. Dando un tempo al tempo. E decidere di abbandonare, per sempre, le strade chiuse. Quelle delle vite inventate che per fortuna non esisteranno mai. E ringraziare il cielo di non averle mai percorse a folle velocità e di evitare lo schianto. Apro gli occhi. Abbraccio il piccolo e insano David che mi è stato vicino contro ogni ragionevole probabilità e tutti i piccoli David che ancora oggi sono dalla mia parte. Contro ogni senso, probabilità e ragione. E adesso è tempo di una doccia veloce, di una maglietta buttata nella prima borsa e di prendere un treno per andare in quel posto misterioso e incerto dove le cose stanno così come è giusto che siano.

5 Comments:

Blogger Leifur said...

This comment has been removed by the author.

7:40 AM  
Blogger VIKINGUR said...

"...Non è più tempo di eroi...". E' tempo di super eroi.

7:41 AM  
Blogger Giovanni Odetto said...

E' il tempo dell'imperfezione...finalmente!

3:49 AM  
Blogger monty74 said...

che emozione...come ogni volta.

1:56 PM  
Anonymous Anonymous said...

Io sicuramente voluto per offrire un concetto resoconto di grazie per i consigli ed i suggerimenti bella siete pubblicazione sul radiosarajevo.blogspot.ru. Il mio tempo ad internet compaiono fino ora è stato premiato con le strategie utili per lo scambio con la mia famiglia e gli amici. Mi sostengono che siamo infatti i lettori sono veramente benedetti per dimorare in una comunità incredibilmente utile con alcuni individui con punti di grande penetranti. Mi sento veramente grato per avere scoperto la pagina web e apparire davanti a un sacco di ulteriori momenti di intrattenimento leggere qui. Grazie un buon affare ancora per un bel po 'di cose.

1:39 PM  

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home